NEL BAGNETTO DEL BAMBINO

bagnetto bambinoChe cosa c’è nell’acqua del bagnetto dei nostri bambini? Presumibilmente parecchie schifezze: un po’ di residui organici, cellule varie, un po’ di sporcizia raccolta qua e là, e un numero sorprendentemente elevato di sostanze chimiche potenzialmente allergeniche. E’ la scoperta di un gruppo di ricercatori dell’università di Santiago de Compostela (Spagna), recentemente pubblicata. I ricercatori hanno analizzato per un certo periodo di tempo i residui dell’acqua del bagnetto di bambini di età compresa fra sei mesi e due anni attraverso un metodo chiamato Solid-Phase Micro Extraction (SPME). Attraverswo questa tecnica gli scienziati sono stati in grado di estrarre dall’acqua una quindicina di molecole potenzialmente allergeniche, diffuse praticamente in tutti i prodotti più comuni per l’igiene dei bambini. La quantità presente nell’acqua è risultata in molti casi piuttosto consistente, sufficiente comunque a costituire un fattore di rischio per bambini che vi siano esposti per circa un quarto d’ora al giorno, il tempo mediamente trascorso da un bambino piccolo nella vaschetta del bagno. Il rischio non riguarda solo l’esposizione della superficie del corpo, ma anche l’inalazione e l’ingestione e può costituire, alla lunga, un importante elemento da tenere in considerazione quando si parla di aumento dell’incidenza di dermatiti di tipo allergico, asma e atopia. In ogni residuo di acqua sono stati individuati almeno sei dei quindici componenti potenzialmente tossici rilevati dalla ricerca. Tra questi: la cumarina, molecola fenolica naturalmente presente in tantissimi vegetali e responsabile dell’aroma dolciastro di “erba falciata”, utilizzato da secoli anche nella medicina. Benzil-salicilato: molecola aromatica (nel senso che contiene anelli benzenici) utilizzata come fissativo nella preparazione di tantissimi prodotti cosmetici profumati. Linalolo: monoterpene, anch’esso presente in natura in moltissime specie vegetali nelle quali è trai responsabili dei profumi (rosa, basilico, mughetto, per esempio), è oggetto di studio per la sua possibile interazione con le cellule neuronali, in particolare quelle responsabili dei circuiti della memoria.
Idrossicitronella: questa molecola è presente nella stragrande maggioranza dei prodotti cosmetici, in particolare shampoo e balsami per i capelli ed è noto il suo ruolo nell’insorgenza di congiuntiviti e dermatiti, tanto che il suo utilizzo è severamente regolato.
E proprio sui limiti di tolleranza stabiliti dalle varie leggi si è soffermata la ricercatrice Maria Llompart, responsabile di questo studio, commentando i risultati ottenuti. Secondo il gruppo di ricerca,infatti, questi limiti andrebbero riconsiderati in senso maggiormente restrittivo viste le connessioni tra questi agenti chimici e il proliferare di patologie di tipo allergico, soprattutto nella prima infanzia. Nel frattempo, considerati anche altre studi che avvertono dei rischi di altre sostanze (per esempio quelle estrogeno-simili) presenti nei prodotti per l’igiene personale, possiamo cercare di applicare alcune regole di buon senso per salvaguardare la salute dei nostri bambini. Prima fra tutte: l’igiene è importante, importantissima, ma nella stragrande maggioranza dei casi l’acqua è perfettamente sufficiente a garantire una corretta detersione della pelle di un bambino, soprattutto se molto piccolo. La pelle profumata è sicuramente un piacere all’olfatto, ma ricordiamoci che i profumi sono proprio i maggiori responsabili di reazioni di tipo allergico. Abituiamoci a considerare l’assenza di cattivi odori e non la presenza di profumi come un’indice di igiene e di pulizia, soprattutto quando si tratta di bambini. Se proprio non vogliamo rinunciare al piacere di un po’ di schiuma e di un’essenza gradevole, cerchiamo di leggere attentamente le etichette e di privilegiare prodotti che non contengano le molecole sopra citate e cerchiamo di non utilizzarli quotidianamente per l’igiene infantile.  

 

Share on Pinterest
There are no intro image.
Share with your friends








Submit