..ogni anima sa esprimere la poesia





NON C'E' NIENTE CHE VALE E CHE CONTA

Milva Benzi

non c'è niente che vale e che conta come trasformare la nostra vita quotidiana nei nostri sogni e riservare la notte finalmente al sonno, stanchi e affaticati fin che vuoi ma sazi.

evviva il sale la zucca le castagne la buona terra il sole il freddo i gatti i matti i bimbi e il pane
evviva la vita piena di cose semplici e saporite di sorrisi di amici e di persone belle e brutte
evviva il tempo che  regala pagine nuove ogni giorno a tutti senza distinzione per cominciare o ri-cominciare o proseguire
non siamo poveri perchè abbiamo già tanto, e se abbiamo anche la fantasia chi ci puo fermare?
chi ti puo' fermare?

 

UNA INCANTEVOLE SERATA

Krishnamurti

Era una sera deliziosa, calma e libera..

Stava diventando azzurra; ..l'aria stessa diveniva azzurra.. L'azzurro del mare sembrava dilatarsi e spargersi sulla terra; anche le montagne, in alto, erano di un azzurro trasparente. La scena era incantata e regnava un silenzio immenso.

Sebbene si udissero pochissimi sommessi rumori, essi erano compresi in quel silenzio, facevano parte di quel silenzio, come del resto lo eravamo anche noi.

Il silenzio stava facendo nuova ogni cosa e dal loro cuore spazzava via secoli di squallore e sofferenza.

Avevamo gli occhi limpidi e la mente era di quel silenzio. Il rumore di un animale riemp la baia e il silenzio lo accolse.

La fine di quel giorno era come la morte di tutti gli ieri e in questa morte era già in vita una nuova rinascita senza la tristezza e le angustie del passato.

La vita era nuova nell' immensità del silenzio.

 

VOLO

Mauro Trenti

volo
lontano dai pensieri
desiderando il nulla
trattengo il respiro

ingabbio la vita
carcerandomi
in questa trincea
alla difesa di nn so che

spicco il salto
ma ali non ho
e la voglia di lasciarsi andare
un tappeto volante mi fa sognare
 

TEATRI NATURALI

Nicola Dal Falco

Quando già imbionda la luce d'agosto

E sventato e ricco s'appressa settembre

Lascio l'attesa al cuore, al corpo l'innocenza,

Del sole che piu non scalza, ma chiarisce

Confini e sprezzo delle cose lente e commedianti

Allegra signora d'autunno si cinge corona,

Potenza d'occhi socchiusi,

Cos un bisticcio di rane o colombi saluta

La morte di piu giorni, sommando insieme

Dolcezze e vanità


 

COME L'ALBERO NON FINISCE

Come l'albero non finisce con le punte delle sue radici e dei suoi rami,

e l'uccello non finisce con le sue piume e col suo volo,

e la terra non finisce con i suoi monti più alti...

cosi anche io non finisco con le braccia, i miei piedi, la mia pelle,

ma mi espando di continuo con la mia voce e il mio pensiero, oltre ogni spazio ed ogni tempo,

perchè‚ la mia anima è il mondo ....

 

poesia indiana

 

 

Pagina 7 di 23

Go to top

CamminaMente usa i cookie Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di offrire servizi utili ai visitatori. In nessun caso i dati raccolti verranno utilizzati per scopi diversi dalla nevigazione ed utilizzo del sito camminamente.it Per approfondire privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information