ALL’INIZIO IL RICCIO ERA LISCIO E ROSEO COME UN PORCELLINO APPENA NATO. Era anche molto piccolo. Da adulto pareva un pugno chiuso. Di animo buono e dolce, non conosceva malizia alcuna e, a volte, come succede agli uomini, quelle sue belle caratteristiche venivano scambiate per stupidità. In pratica era un po’ lo scemo del villaggio, nel nostro caso del bosco. E, come sovente accade nelle scuole, dove bambini timidi e sensibili vengono maltrattati e malmenati dai bulletti di turno, anche il riccio pagava la sua dolcezza. Ogni volta che qualcuno lo incontrava lo spintonava, lo derideva, gli rubava la merenda, gli dava pacche sulla schiena e, non di rado, anche schiaffi in testa. Il riccio sopportava, cercava amicizia, perdonava. Ma dentro di sé era triste e un poco anche spaventato. Non capiva il motivo di tanta cattiveria.

 

Il riccio
 

Era successo addirittura che un giorno il barbagianni avesse tentato di beccarlo di brutto per puro divertimento. Il riccio si salvò infilandosi sotto un sasso e si graffio la schiena. A quel punto il Signore intervenne. Ogni volta che qualche maleducato strafottente gli tirava una pacca o peggio uno schiaffo, al riccio spuntavano immediatamente sul corpo migliaia di aculei pungenti. E il violento di turno riceveva la paga. Ma era fastidioso sentir uscire tante volte gli aculei, perché gli scherzi di mano erano parecchi. Allora il Signore decise di lasciarglieli addosso per sempre. Ora, con quella corazza, il riccio sembra un’animale spaventoso ma se lo guardate da vicino, ha occhi buoni e dolci.

 

C'era una volta un grande prato verde pieno di fiori colorati e fra questi fiori c'era un piccolo fiore; tutti lo lasciavano sempre solo. Un giorno, mentre piangeva solo nel prato, apparve nel cielo un grande fiore che si chiamava Grande Sole e questi si rivolse al piccolo fiore dicendo:  ‘’Perché piccolo fiore piangi?" e il piccolo fiore rispose:  "L'hai appena detto tu che sono piccolo!" e il Grande Sole allora disse:  ‘’Non devi guardare se sei piccolo, grasso, magro, brutto, ma impara a guardare quello che hai dentro".  Il piccolo fiore rifletteva, poi rispose:  "Grazie Grande Sole, terrò conto del tuo consiglio".
Così piccolo fiore andò dagli altri fiori e chiese loro:  "Come state?’’. Ma  tutti risposero malamente:  " Ma vai via tu, vai che sei così piccolo!". Il piccolo fiore piangeva. Fu allora  che gli apparve un’altra volta il Grande Sole dicendo:  "Dai provaci ancora, non ti devi mai arrendere". Il piccolo fiore decise perciò di  tornare dagli altri  fiori. A un certo punto arrivò un Piccolo Grande Uomo che stava per pestare uno degli altri fiori. Fu così che il piccolo fiore, per salvare la vita al suo amico, si fece calpestare. Gli altri fiori videro quello che era accaduto e tutti si misero a piangere.

Ecco allora che il Grande Sole apparve nel cielo dicendo loro:  "Vedete, ora il piccolo fiore è morto per salvare una vita.  Io lo riporterò in vita purché l'uomo che lo ha calpestato versi una lacrima e voi impariate a non giudicare un fiore se è piccolo, se è magro, se è grasso, se è brutto, ma a guardare quello che ha dentro".  Il Piccolo Grande Uomo, che aveva  ascoltato tutto, pianse.  Invece gli altri fiori dettero i loro petali al piccolo fiore che con un sorriso tornò a vivere.

 

piccolo_fiore.

 

giada.

 

Ciao, sono GIADA e ho 8 anni

A me piace molto cucinare e inventare ricette. Un giorno ho inventato la pasta alla cipolla e alla mela quando c'era una mia amica a cena.

Mi piace mangiare macrobiotico. Ho scoperto che, mangiando macrobiotico, mi ammalo una volta all'anno. Vi consiglio di provare a mangiare così, è buono, è sano, è gustoso, non scherzo è veramente buono! A scuola ho un enorme successo, i compagni spesso vogliono sapere cosa ho come merenda e assaggiare. Mamma poi, molto gentilmente, mi permette di invitare tanti bambini a casa e di offrire le nostre preparazioni.

Io aiuto spesso la mamma in cucina: lei è bravissima a cucinare ma, beh, ... io sono più brava!

Ho cucinato anche dei MUFFINS AL CIOCCOLATO deliziosi.

Vi propongo di realizzare piccole ricette e di mandarmele. Le pubblicherò volentieri sul blog. Vi aspetto allora.

 

Ciao a tutti e tanti baci GIADA

presine.

giada6giada11