Prevenire è meglio che curare

‘’ a proposito di traumi articolari, pubblichiamo i suggerimenti di un esperto in materia il Dottor Marco Franchini, collaboratore di IOME ITALIA, ringraziando cordialmente’’

 

L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE IN TRAUMATOLOGIA

 

 

ginocchio.

“Prevenire è meglio che curare” recitava un azzeccato slogan pubblicitario qualche anno fa. Ebbene, reduce da un intervento al ginocchio resosi necessario per curare gli effetti di una severa frattura riportata 25 anni fa, sto avendo modo di rendermi conto della veridicità di questa affermazione.

Tranquilli, non ho nessuna intenzione di tediarvi coi miei problemi di salute personali ma semplicemente di rendere pubblica la mia esperienza personale e quella di qualche centinaio di pazienti da me curati nella speranza che possa essere di qualche utilità.

Col senno di poi tutti noi eviteremmo degli eventi che hanno portato a lesioni più o meno severe, questo è fin troppo banale. Meno banale è l’atteggiamento che bisogna avere (sottolineo, bisogna avere) una volta riportate queste lesioni perché questo condizionerà inevitabilmente la qualità di vita che ci resta da vivere. E certamente è meno facile dato che di buoni propositi è facile farne ma molto più difficile è tradurli in pratica.

Un trauma articolare (una distorsione o una frattura di ginocchio, caviglia o altri segmenti) evolve inevitabilmente verso un’artrosi precoce. Tradotto in sintomi significa progressiva limitazione dell’ampiezza dei movimenti dell’articolazione interessata, dolore più o meno intenso e tendente a cronicizzare, limitazione funzionale e dell’autonomia nelle normali attività quotidiane. È facile intuire che nella vita quotidiana, di lavoro o di relazione, questo può diventare un problema serio.

Cosa fare allora ?

Sicuramente il mantenimento del peso forma è un ottimo punto di partenza. Il sovrappeso è un fattore usurante indiscusso per lo scheletro in toto, oltre a rappresentare una potenziale concausa di malattie sistemiche invalidanti, diabete e cardiopatie ipertensiva e|o ischemica su tutte. Quindi una corretta alimentazione è assolutamente raccomandabile, oltretutto sarà un toccasana anche per il nostro aspetto estetico e di conseguenza per l’autostima, elementi non certo trascurabili come componenti di un benessere inteso a 360 gradi.

Un altro punto cardine per il buon mantenimento delle articolazioni lesionate è la regolare attività fisica. Le articolazioni non sono fatte per stare ferme, questa condizione le rende più rigide e meno “lubrificate” dal liquido sinoviale che le nutre. Certo, cum grano salis, come dicevano i nostri antenati.

E’ sicuramente preferibile un’attività fisica aerobica (evitare sforzi intesi e di breve durata) che non stressi eccessivamente le componenti articolari quali menischi e legamenti (la bicicletta e il nuoto permettono di tonificare la muscolatura senza comportare un lavoro troppo gravoso per le articolazioni) e ripetuta con regolarità nell’arco della settimana.

L’uso di farmaci condroprotettori (acido ialuronico e simili) è un ottimo adiuvante, ma segue e non può precedere i punti or ora descritti. Inoltre dev’essere regolato da prescrizione medica, il fai da te in questo caso non paga.

Mi rendo conto di avere fatto un elenco della spesa forse troppo populista e banale, però ho capito che l’esperienza è un’ottima maestra di vita e ascoltandola c’è solo da guadagnare.


Dott. Marco Franchini specializzato in ortopedia e traumatologia. IOME® - Istituto Orientale di Medicina Energetica
Share on Pinterest
There are no intro image.
Share with your friends








Submit
Seguici su
Facebook

enrica-facebookriccardo-ronzonimelissa-facebook





camminamente facebook smalllocandina-effeemmestudioProf-Cannella-facebook



icona facebook macromamma

Copyright © 2007 CamminaMente. Tutti i diritti riservati. Ripubblicazione o distribuzione dei contenuti sono espressamente vietate senza permesso scritto.| c.f. 94132270367

Privacy | Sitemap | Credits

CamminaMente usa i cookie,

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di offrire servizi utili ai visitatori. In nessun caso i dati raccolti verranno utilizzati per scopi diversi dalla nevigazione ed utilizzo del sito camminamente.it