4 Zampe news

logo-4-zampe-news.

Sabrina-e-i-suoi-gatti

Fin dall’infanzia ha sempre avuto una profonda sensibilità e attrazione per il mondo animale, finchè i genitori per accontentarla, all’età di otto anni le hanno preso il primo micio vero e proprio e non di pezza. Da allora i gatti non sono più usciti dalla sua vita.

Nel 1996 arriva Zagor, “la sua anima” come lei lo definisce, il gatto che la sta accompagnando in questa vita, e che le ha permesso di vivere la sua più grande e profonda esperienza

Nel 1997 incontra la macrobiotica, poi il rebirthing e attraverso questo passaggio cambia la propria impostazione di vita e pensiero. Da allora non utilizza più medicine allopatiche e questa filosofia la applica anche nella vita del proprio ospite peloso che viene curato con rimedi omeopatici con risultati sorprendenti e quasi miracolosi.

Nel 2011 con la perdita anche della madre, eredita Sissi la gatta di sette anni dei genitori che si inserisce felicemente nella nuova realtà.

Volontaria della lega del cane presta la sua opera presso il canile di Borgovercelli dal 2003, si occupa prevalentemente della sezione felina, il mondo animale che conosce meglio e del quale è profondamente affascinata.

Attualmente scrive insieme ad altre volontarie pezzi per una piccola rubrica dedicata agli animali, sul giornale locale.

“Sono profondamente affascinata dai gatti, animali forti, indipendenti, misteriosi e sensuali ma che nello stesso tempo se li riesci a conquistare sono capaci di stupirti con gesti e legami di amore sincero ed eterno ”

Sabrina Baraldi

Volontaria

Faccio la volontaria in un canile da una decina di anni. Spesso quando lo affermo la gente mi dice “Io non riuscirei perché sto troppo male, non riesco a vedere cose simili”

Non vedere non vuol dire che non esiste.

Non vedere non migliora le condizioni di chi soffre.

Non vedere non è una soluzione.

Non vedere è solo un bel pagliativo per la nostra anima.

Se non vedo, non soffro IO, e come sempre quello che conta siamo noi stessi.

Come sempre, come diceva la canzone di Gaber….IO, IO, IO.

Invece i canili hanno bisogno proprio di te.

Hanno sempre bisogno.

Bisogno di aiuti, di braccia e di adottanti.

Anche io spesso sto male a guardarli. E il più delle volte non è solo per il dolore fisico che alcuni di loro devono sopportare a causa di incuria o talvolta maltrattamenti subiti.

Sto male perché li guardo lì nel box , dimenticati da tutti, sapendo che una volta avevano una famiglia, una vita, un futuro e che si fidavano della promessa d’amore che aveva fatto quell’essere umano facendoli entrare nella propria vita.

Si fidavano, loro non potevano sapere nè comprendere che l’amore umano non è né senza limiti, né eterno proprio come loro sono in grado di fare.

Non potevano sapere che siamo esseri ancora volubili, instabili e che usiamo gli esseri viventi per nostro comodo.

Non potevano sapere che dettiamo al nostro cuore regole di discriminazione anche nell’amore: un animale e solo un animale

Non potevano sapere che il giorno prima avrebbero avuto attenzioni, cibo e coccole e il giorno dopo con molto distacco, li avrebbero lasciati soli ed abbandonati al destino senza voltarsi indietro.

Mio padre diceva, nel suo dialetto, che un animale è un bambino che non cresce mai.

Credo che la sua visione fosse semplice e calzante: un bambino cresce e diventa indipendente, un animale cresce, invecchia ma dipenderà sempre da noi.

Ecco perché è così vulnerabile, ecco perché dobbiamo capire che responsabilità abbiamo nei suoi confronti.

Così li guardo nel box e penso come si debbano sentire.

Disperati di fronte a quell’abbandono che non possono comprendere ma solo subire.

Sofferenti perchè sono individui esattamente come noi, con emotività, sentimenti solo con un aspetto diverso.

E per empatia sento il loro dolore.

Ma nello stesso tempo so che non chiudere gli occhi davanti alla realtà, è per loro vitale e gli migliora la vita.

Serve a rendergli la permanenza in “carcere” il più decoroso possibile, serve a donargli affetto che è fondamentale per ogni essere vivente e serve per regalare loro una speranza di un domani.

Ecco perché vale la pena.

Sabrina-zagorSabrina-zagor-prissy

Modello Giuditta

Il Natale è alle porte e abbiamo pensato di lanciarvi una “sfilata proposta” di alcuni “nostri” ospiti, dedicata a coloro che stanno pensando di prendere un cane.

Perché dovreste venire in canile?

Perché i “nostri” cani sono tutti modelli originali, non ce n’è uno uguale all’altro, alcuni sono addirittura modelli storici,  guardando bene ne troverete anche di “firmati” e potrete scegliere in base ai vostri gusti ed esigenze avendo una vasta scelta a disposizione.
Abbiamo la vetrina più assortita di zona.

Siete sportivi, dinamici, prestanti ? Shaka, categoria firmata taglia grande, Drahthaar maschio giovane, possente. energico e vitale ma educato, di una bellezza ed espressività incredibile sicuramente fa per voi.

Amate la vita tranquilla e volete un cane grazioso, molto femminile da compagnia?Rusca è una pelosina  taglia media, pelo soffice e semilungo,  11 anni, sterilizzata, sana ed equilibrata, lei amerebbe fare “il peluches” in una famiglia posata.

Siete “diversamente “ giovani e volete una compagnia discreta di un peloso in forma e sobrio proprio come Voi? Simba nato nel 2001 ha vissuto la metà dei suoi anni “dietro le sbarre” e proprio quando era stato “nominato” per l’adozione ha avuto un ictus. Lui in poco tempo si è ripreso completamente ma gli adottanti sono scomparsi, e il suo sogno è svanito.

 Avete bambini e vorreste un compagno di giochi e affetto per loro? Alessia, giovane, bianca e soffice proprio come la neve,  pelucchina di taglia media ,adora ed impazzisce letteralmente per i bambini.

Siete una famiglia vivace  con ragazzini pimpanti? Loki è un giovane maschio, vitale, intelligente ed educato. Nonostante  arrivi da storie di maltrattamenti il suo carattere non ha subito traumi o danni.

E poi ne abbiamo tanti altri, Cesare, Ketty, Bianca etc, per Voi sono solo nomi ma loro sono anime che attendono.

RuscaShaka

I “nostri” cani non si comprano, si adottano
Forse vi chiederete  perché adottare un cane “usato” e  abbandonato?
Perché è un gesto etico, civile, di grande umanità che darà un posto nel mondo ad un animale con una vita “spezzata” e sarà ricambiato con fedeltà e amore sincero.
Di sicuro non porterà medaglie da appendere al muro ma al cuore sì.

Sabrina

Un altro inverno per Bigli

Bigli

Un altro inverno, le stagioni scorrono.
E noi volontarie pensiamo….i poveri vecchietti abbandonati al canile supereranno l’inverno? Il freddo è nemico degli anziani soprattutto se poco avvezzi alla vita dura.
Immaginiamo di aver vissuto per anni in una calda casa, e aver dormito ai piedi di un letto su un bel cuscinone o proprio sopra al letto e poi immaginiamo da un giorno all’altro di trovarci in un box metallico insieme ad altri pelosi, senza riscaldamento e in modo spartano. Credo che non servano altre parole per comprendere cosa possono passare questi cani, qualsiasi persona sensibile ci arriva da sola.
Purtroppo gli adottanti cercano sempre cani giovani e meglio ancora se di razza. Per i cani di razza, quando capitano, c’è una vera gara da velocisti, arrivano adottanti da ogni dove mentre per il resto degli ospiti del canile c’è l’oblio. Forse che un cane non targato non sia in grado di amare? Gli animali con un passato non saranno chic e nemmeno da sfilata ma spesso regalano esperienze d’amore indimenticabili
Un cane anziano ha poco possibilità di uscire da questo ospizio: normalmente sono le volontarie che finiscono per portarseli a casa perché vedendoli lì in quella triste situazione si rendono conto che non c’è dono migliore per questi esseri e per se stessi che regalare una vita e un sogno a uno di loro. Ma loro sono tanti e le volontarie un numero esiguo e nonostante alcune si siano riempite casa esiste un limite numerico invalicabile.
Emy, Raul, Bimba, Rudy, Ruchy questo inverno finalmente lo passeranno al caldo, ma che ne sarà ad esempio del povero Bigli, amato cane di un signore defunto che da un giorno all’altro si è trovato dal caldo tepore di un cuscino in casa alla fredda vita dei cani di nessuno in canile?
Allora ci rivolgiamo al mondo e chiediamo, forse c’è qualcun altro che ha tanto coraggio e vuole donare una speranza a questi esseri dimenticati da tutti.
Loro vi ringrazieranno finchè morte non vi separi, e vi ringrazieremo anche noi.

Sabrina

Pagina 4 di 11

Omeopatia in veterinaria

AIMOV.IT

Dr.ssa Paolucci Ginevra
Via Roma 58 - 13888 Mongrando (BI)
tel: 015667983, 3491930130

Dr.ssa Laura Cutullo
Milano
http://www.naturaliter.it 



Erbe e animali
Cure naturali per i nostri amici
Remedia erbe 



Dott.ssa Donatella Adani
059 343761 (con segreteria telefonica)
Via Gaspare Pagani 44
41124 Modena





Go to top

CamminaMente usa i cookie Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di offrire servizi utili ai visitatori. In nessun caso i dati raccolti verranno utilizzati per scopi diversi dalla nevigazione ed utilizzo del sito camminamente.it Per approfondire privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information